Il naming degli allegati è uno sport sottovalutato

Ma rinominare un file prima di inviarlo è un’operazione così faticosa?

A quanto pare sì, visto che continuano ad arrivare a Spotanatomy mail come questa:

Schermata-2013-07-07-alle-16.00

Caro ufficio stampa, ecco cosa evinco da questo invio:

  1. il comunicato stampa non l’hai scritto tu, ma ti limiti solo all’inoltro del file alla stampa
  2. il sig/sig.ra Scott è sul tuo libro paga, ma non vedo come la cosa possa essere di mio interesse
  3. qualcuno ha approvato il file prima del tuo inoltro e la cosa mi pare più che scontata!

Grazie delle preziose informazioni!


La metafora dell’Ufficio Stampa di una PA nell’era del Web 2.0

Oggi al ForumPA di Roma durante una presentazione dell’Istat, l’Ufficio Stampa di una Pubblica Amministrazione è stato definito come

una barca abituata a navigare in un lago in cui conosce bene le sponde che si ritrova improvvisamente a navigare in pieno oceano

Mi permetto di osservare che una buona parte della Pubblica Amministrazione si trova sulla stessa barca.


Un invito imperdibile

Oggetto: invito da Banca XXX

Banca XXX è lieta di inviarle l’invito in allegato.

In attesa di una cortese risposta inviamo i nostri saluti più cordiali.

[firma]

Questo il testo della mail che mi è arrivata ieri in posta elettronica. Di che si tratta? Leggo il pdf allegato che, su carta bianca con il logo della Banca riporta solo queste informazioni:

INVITO

[nome cognome], Presidente di Banca XXX, è lieto di invitarla a
un incontro con la stampa che si terrà il 19 marzo alle ore 17.30
presso XXX.

Milano, 13 marzo 2012

[firma]

Seguirà aperitivo

R.S.V.P.

[firma]

Come mancare ad un incontro così speciale che si prospetta pieno di emozioni e rivelazioni…


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.